Skip to main content

Ex Allievo dell’Accademia protagonista del salvataggio di 92 migranti

By 25 Novembre 2022News

Trieste, 25 Novembre – Era iniziato da poche ore il viaggio di Alessio Andreani, ex Allievo dell’Accademia Italiana della Marina Mercantile, nella classe di Coperta 42, quando si è trovato a vivere un’esperienza umana e professionale senza eguali. Il 19 novembre scorso, in navigazione verso il porto greco del Pireo, la nave Laura Bassi, dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, è stata chiamata a rispondere alla chiamata di soccorso da una barca a vela in gravi difficoltà al largo di Zante. “A 55 miglia a Sud-Ovest dell’isola, la barca a vela, con il mare in burrasca, aveva a bordo 92 migranti”, racconta il Comandante della Laura Bassi, Franco Sedmak. La nave, in missione per raggiungere la Nuova Zelanda e poi la base italiana in Antartide per la 38esima spedizione polare del programma PNRA, ha subito cambiato rotta, andando in contro alla barca. “Le condizioni del mare erano proibitive, e non riuscivano più a manovrare. Abbiamo provato ad avvicinarsi, ma era troppo rischioso provare a issare a bordo le persone, tra cui c’erano diversi bambini anche in tenera età”, prosegue Sedmak.

“Abbiamo quindi deciso di lanciare una cima ai passeggeri e di trainare la barca, dopo esserci messi in contatto con le autorità greche. Le condizioni meteomarine erano pessime, ed eravamo preoccupati che la barca potesse ribaltarsi. La Laura Bassi è una nave oceanografica, e a bordo sono presenti cuccette per decine di ricercatori e per l’equipaggio, ma certamente gli spazi sono limitati. Ma dopo aver iniziato il viaggio verso il porto greco di Kalamata, abbiamo visto che le persone a bordo richiamavano la nostra attenzione, e abbiamo deciso di cambiare strategia. Grazie agli sforzi dell’equipaggio, e soprattutto dell’Ufficiale Alessio Andreani e del marinaio Nico Persic, abbiamo messo in acqua una Service Boat. Sono serviti ben 16 trasbordi tra le due unità per portare a bordo tutti e 92 i migranti, che erano di origine afghana, siriana e iraniana. 23 di questi erano bambini, e 20 erano donne. Una volta a bordo, ci siamo assicurati che fossero in salute e che si riscaldassero, ma alcuni di essi presentavano principi di ipotermia. Una sfida davvero complessa, ma abbiamo fatto il nostro dovere di uomini di mare”.

“La nostra più grande soddisfazione è stata quella di esserci assicurati che tutti stessero bene, e di aver assicurato loro una nuova opportunità di vita. Sembra una cosa comune e semplice, ma svolgere un soccorso in mare aperto e con tutti i pericoli di una barca in gravi difficoltà, non è affatto banale. Solo la professionalità dell’equipaggio ci ha dato modo di portare a terra i migranti”.

Alessio Andreani, diplomato come Ufficiale di Coperta nel novembre 2021, ha lavorato a bordo di Costa Crociere prima di avere la possibilità di imbarcarsi sulla nave oceanografica Laura Bassi come Terzo Ufficiale. La sua missione è solo all’inizio, e lo aspettano tre mesi di navigazione tra l’Antartide e l’Oceania, prima di far ritorno in Italia. Ma ha già sicuramente meritato l’orgoglio dell’equipaggio e di tutta l’Accademia Italiana della Marina Mercantile.