qualità

L’Accademia italiana della Marina Mercantile è stata riconosciuta come Fondazione nel gennaio 2011, con la denominazione di: “Fondazione Istituto tecnico superiore per la mobilità sostenibile – Settori trasporti marittimi e pesca”.
Scopo della Fondazione, che è partecipata dai principali soggetti del cluster marittimo nazionale, è di operare per la formazione delle figure apicali del trasporto marittimo (in particolare gli Ufficiali) e di promuovere la ricerca e l’innovazione formativa nel settore.

L’Accademia opera in stretta sinergia con il Fondo Nazionale Marittimi e il MIUR, nella formazione degli Allievi Ufficiali. L’Accademia riceve finanziamenti, per la formazione degli Allievi Ufficiali, in larga parte provenienti dal Fondo Nazionale Marittimi – risorse derivate dai contributi provenienti dalle Società e Compagnie di Navigazione in base alla normativa “tonnage tax” -, dal MIUR e dalla Regione Liguria. L’Accademia sviluppa inoltre altre attività, a favore delle imprese del cluster marittimo, sia nel campo della formazione, della progettazione, degli studi e delle ricerche, con finanziamenti sia pubblici che privati. Nel 2008 è stata avviata la Sezione Internazionale dell’Accademia attraverso IMSSEA (International Maritime, Safety, Security & Enviroment Academy), mediante un agreement tra il Ministero degli Affari Esteri e l’IMO di Londra.

La Politica per la Qualità dell’Accademia Italiana della Marina Mercantile, coerentemente con quanto espresso dalla Mission, esprime la volontà della Direzione di raggiungere specifici obiettivi formativi: l’alta formazione e il training del personale marittimo di bordo e di terra, l’aggiornamento e la formazione degli operatori a livello manageriale e operativo nell’ambito del cluster marittimo, la realizzazione di attività di prima formazione, formazione continua e adeguamento alle discipline marittime di titoli di studio non nautici.

In quest’ottica, la volontà e l’azione della Direzione si concretizzano relativamente a:

  • assunzione di impegni (esplicitati nel Verbale del riesame da parte della direzione) che devono essere soddisfatti dalla Direzione;
  • soddisfazione delle esigenze del cliente/utente, tramite l’erogazione puntuale di servizi di qualità, conformi ai requisiti di legge.
  • impegno dell’Accademia per la qualità, assicurando che tutto il personale comprenda quello che il cliente/utente desidera e partecipi al mantenimento e al miglioramento del Sistema di Gestione per la Qualità.
  • impegno dell’Accademia alla prevenzione di illeciti amministrativi da parte dei suoi dipendenti e dei suoi collaboratori, mediante l’implementazione di un adeguato Modello Organizzativo, la diffusione ai destinatari previsti del Codice Etico / di Comportamento e la vigilanza della sua applicazione attraverso un Organismo di Vigilanza indipendente, autonomo, onorabile e professionale.
  • soddisfazione del proprio personale, attraverso il miglioramento continuo delle conoscenze specifiche e del modo di operare, con l’addestramento necessario allo svolgimento delle proprie mansioni e all’attuazione del programma della Qualità.
  • rispetto dell’utenza, con un comportamento responsabile ed attento alla sicurezza, all’igiene del lavoro e alla protezione dell’ambiente.

L’Accademia si impegna ad ottenere reali miglioramenti della qualità aziendale:

  • riducendo sia il numero di reclami annuali da parte dei clienti/utenti, sia il numero delle non conformità, attraverso l’applicazione di opportune azioni correttive e preventive,
  • verificando la soddisfazione dei clienti/utenti.

A questo scopo, la Direzione dell’Accademia è impegnata a vigilare che questa politica sia compresa, attuata e sostenuta da tutto il personale a qualsiasi livello. La Direzione si impegna annualmente a riesaminare la Politica per la Qualità dell’Accademia per confermarla o aggiornarla secondo le esigenze.

Le attività della Fondazione Accademia sono articolate su due sezioni:

  1. sezione attività nazionale
  2. sezione attività internazionale

Gli obiettivi formativi di entrambe le sezioni sono l’alta formazione e il training del personale marittimo di bordo e di terra, l’aggiornamento e la formazione degli operatori a livello manageriale e operativo nell’ambito del cluster marittimo, la realizzazione di attività di prima formazione, formazione continua e adeguamento alle discipline marittime di titoli di studio non nautici.

Le attività che costituiscono l’oggetto sociale della sezione nazionale, messe in atto, presso la sede principale e le eventuali sedi staccate, per realizzare gli obiettivi formativi, sono le seguenti:

  1. Formazione superiore degli allievi ufficiali e allievi commissari di bordo della marina mercantile per il loro inserimento nel mercato del lavoro marittimo, in primo luogo italiano e dell’Unione Europea;
  2. Formazione continua e permanente del personale marittimo tecnico e di comando;
  3. Orientamento culturale e professionale dei giovani verso le carriere del mare;
  4. Promozione e realizzazione di studi, ricerche, pubblicazioni, convegni, partnership e network, per la conoscenza e la comunicazione dell’economia marittima;
  5. Promozione e realizzazione di studi, ricerche, pubblicazioni, convegni, partnership e network internazionali, per il miglioramento della qualità e l’armonizzazione dei sistemi di istruzione e formazione in campo marittimo.

Le attività che costituiscono l’oggetto sociale della sezione internazionale, messe in atto per realizzare gli obiettivi formativi, sono le seguenti:

  1. realizzazione corsi di alta formazione per il personale delle amministrazioni / organizzazioni marittime dei paesi stranieri in conformità all’accordo bilaterale in materia di cooperazione tecnica nel settore della formazione professionale sottoscritto dal Governo Italiano e dall’IMO (International Maritime Organization) il 10.03.1988 ed eventuali successivi accordi con organismi internazionali.

Le attività formative saranno conformi sia agli “IMO model courses” sia ai corsi riconosciuti da altre organizzazioni internazionali in materia di safety, security and environmental protection, e saranno coordinate nell’ambito della Sezione Internazionale dell’Accademia che assumerà la denominazione “IMSSEA – International Maritime Safety Security and Environment Academy”.

L’Accademia agisce per il perseguimento del proprio oggetto sociale senza finalità lucrative, essendo beneficiaria di finanziamenti pubblici e privati.

La Fondazione Accademia Italiana della Marina Mercantile e il suo staff ritengono che quello dei trasporti marittimi rappresenti uno dei settori chiave per garantire la condivisione e lo scambio di ricchezza, tale da garantire un benessere diffuso.

In quest’ottica riconoscono il ruolo determinante del personale di bordo di tutti i gradi, e in special modo il ruolo dei livelli direttivi, per garantire la sicurezza della navigazione, la competenza, efficacia ed efficienza nella gestione dei trasporti. Tale ruolo può essere affermato, consolidato e sviluppato attraverso una formazione e un addestramento di eccellenza, che si erga anzitutto a garanzia della salvaguardia di equipaggi, passeggeri e merci, e che contribuisca allo sviluppo economico e sociale, con un’attenzione prioritaria dedicata anche alla tutela dell’ambiente.

L’aspirazione della Fondazione è di consolidare fino alla piena autosufficienza il fatturato entro il 2020, operando sempre in conformità con la normativa internazionale, con l’obiettivo di diventare il principale soggetto di riferimento a livello istituzionale per i corsi che riguardano le carriere direttive marittime, ma anche perseguendo l’usuale approccio d’avanguardia nell’affrontare e superare sfide d’innovazione poste via via dall’avanzamento tecnologico o dall’adeguamento normativo, senza escludere l’apertura di nuovi rami di attività in cui eccellere, sempre afferenti al cluster marittimo, con un’implementazione decisa e parallela anche della sua sezione internazionale. Il tutto realizzato in una rigorosa ottica di miglioramento continuo, e con l’orgoglio di essere parte attiva della storia della marineria del nostro Paese.